.
Annunci online

giannipardo1@gmail.com
POLITICA
17 ottobre 2019
IL FEMMINICIDIO DELLA WHIRLPOOL
La Whirlpool chiude lo stabilimento di Napoli, e Massimo Giannini scrive parole di fuoco contro l'Impresa.  Parla della “spregiudicata impudenza di un capitalismo che straccia accordi aziendali e patti sociali, cavalcando la tigre della globalizzazione selvaggia, sfruttando il dumping salariale, inseguendo il massimo profitto a qualunque costo. Non c'è giustificazione possibile, per un colosso industriale che decide di buttare in mezzo alla strada oltre 400 famiglie”. E parole pressoché altrettanto severe dedica al governo, che non è stato capace di scongiurare questo disastro. 
E tuttavia si può avere un altro punto di vista. Un posto di lavoro è la situazione nella quale qualcuno dice ad un altro: “Se mi offri la tua prestazione ti offro un salario. Naturalmente lo faccio per avere da te un‘utilità economica maggiore di quella che ti offro col salario”. E che cosa dice il lavoratore? “Ho bisogno di quel salario e la tua offerta mi alletta. Dunque accetto nel mio interesse, non nel tuo". Da questo incontro di interessi nasce il contratto di lavoro. Ovviamente il datore di lavoro ha la possibilità di interrompere il contratto, se non ne ricava un’utilità superiore al costo, e il prestatore d’opera ha la possibilità di lasciare il lavoro se altrove gli offrono migliori condizioni.
 Ora passiamo alla patologia. Se gli sgherri del datore di lavoro catturano degli uomini, li incantenano al posto di lavoro e non li pagano, si ha la schiavitù. Se invece i lavoratori impongono al datore di lavoro di continuare a pagarli, anche se costano più di quanto rendano, si ha l’estorsione. La schiavitù non è più di moda, ma l’estorsione prospera. Anche se non a spese dell'Impresa (un’impresa fallita non può pagare salari) a spese dei contribuenti. Infatti, dal momento che in Italia, come dice Giannini, non si può tollerare che si “mettano in mezzo alla strada 400 famiglie”, lo Stato a volte interviene, e lo fa o nazionalizzando l’impresa (con enormi costi per i contribuenti) oppure ripianando il deficit, ma sempre a spese dei contribuenti. E così l’estorsione è stata spostata di una casella, invece di essere a carico dell'impresa, è a carico del contribuente. Ecco come vanno le cose per l’Alitalia (il contrario del pozzo di S.Patrizio) e per tante altre imprese decotte. 
Comunque, il pianto greco per le 400 famiglie è ipocrita. Ammettiamo che in Italia rischino il licenziamento non 400, ma 4.000 lavoratori. Che cosa hanno di speciale i 400 rispetto ai rimanenti 3.600? Soltanto il fatto di poter organizzare il blocco di un’autostrada e di ottenere i titoli dei giornali. Dei molti licenziati ignoti non si occupa nessuno. Eppure il dramma del singolo padre di famiglia che perde il lavoro è lo stesso sia che lo perda soltanto lui, sia che lo perdano altri 399 o altri 3,999. La cosa cambia soltanto dal punto di vista emotivo, sociale  pubblicitario. Ipocrita.
Le parole di Giannini sono demenziali. Che senso ha parlare di inseguire “il massimo profitto a qualunque costo”? Secondo lui, che scopo ha un’impresa , nel momento in cui tiene aperto uno stabilimento? Lo fa per il profitto, anche se non “massimo”, ed è una cosa non soltanto legittima, ma consustanziale alla sua esistenza. Infatti, se chiude, è segno che quel profitto non c’è.
Tutta la vicenda, nel suo fondamentale fraintendimento, è simile al "femminicidio per amore". Qual è la ragione per cui un uomo e una donna condividono la vita? L’amore. E, se non l’amore, almeno il fatto che la convivenza offre più vantaggi della separazione. Ma se per la moglie, per esempio, questo minimo vantaggio non c’è più e vuole andarsene, il marito abbandonato ha il diritto di ucciderla solo perché lui soffre di quell’abbandono?
Nello stesso modo, se la ragione dello “stare insieme”, per la Whirlpool e per i suoi lavoratori, è il vantaggio di ambedue, e se per uno questo vantaggio non c’è più, lo si può forse costringerlo a proseguire la collaborazione? Se un operaio della Whirlpool si licenzia, l’impresa può prenderlo per la cravatta e riportarlo al suo banco di lavoro. Certo che no. E se il lavoratore è libero di andarsene, perché non dovrebbe essere libero di andarsene il datore di lavoro? Perché lo Stato dovrebbe spalleggiare il femminicidio dell’impresa?
Quando in Italia metteremo da parte l’economia del cuore e cominceremo ad adottare quella dei numeri, quando capiremo che lo Stato non può cambiare le leggi eterne dell’economia, chissà che non riusciamo  a vedere la luce in fondo al tunnel. Si tratta soltanto di capire che la Cina comunista. dal punto di vista economico, è moltomeno comunista di noi.
Gianni Pardo, giannipardo1@gmail.com Scrivetemi i vostri commenti, mi farete piacere. 
16 ottobre 2019




permalink | inviato da Gianni Pardo il 17/10/2019 alle 8:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Non riesco nemmeno io ad inserire un commento. Chi volesse farlo lo inserisca in calce all'identico articolo, su giannip.myblog.it Prendete comunque nota dell'indirizzo giannip.myblog.it per i momenti in cui "il Cannocchiale" non è accessibile. Per comunicazioni, giannipardo1@gmail.com.